Con l’arrivo nella giornata di ieri dei giovani beachers Sacripanti e Saturninoe del nuovo opposto brasiliano, Spanakis può contare ora sulla rosa al completo. Le prime dichiarazioni del bomber rossoblù appena sbarcato in Italia.

La seconda settimana di preparazione della Ceramica Globo prosegue con il team di preparatori e lo staff tecnico a seguire in maniera attenta e meticolosa il lavoro dei giocatori, impegnati in sedute di test e sala pesi. La squadra ha iniziato anche a riprendere confidenza con la palla, lavoro che si intensificherà nelle prossime settimane integrandosi con tattica e situazioni di gioco.

Finalmente la rosa dei 14 è completa, con l’arrivo nella giornata di ieri dei beachers Saturnino e Sacripanti, impegnati nei campionati giovanili sulla sabbia, e del tanto atteso bomber Felipe Banderò. Un vero colpo di mercato per la società della Presidentessa Agostinelli che ha riportato in Italia il potente opposto nativo di Poços de Caldas, Brasile: 202 cm per il ventottenne carioca, un “omone” con l’aspetto da harleysta ma dal sorriso contagioso e la parlantina tipica degli italiani. Sul campo mette al servizio di Civita Castellana un braccio pesante che in Italia tanti hanno già apprezzato con le maglie di Vibo Valentia nella stagione di A1 2011-2012 e Corigliano in A2 nell’annata 2014-2015: nelle due stagioni nostrane ha totalizzato uno score di 638 punti da Campionato e Coppa Italia.

Banderò torna in Italia dopo la parentesi nella massima serie polacca con la formazione dell’AZS Czestochowa in una stagione difficile per colpa di un brutto infortunio. Appena sbarcato all’aeroporto di Fiumicino ha raggiunto Civita Castellana dove si è unito al resto della squadra per l’allenamento pomeridiano; ancora ovviamente frastornato dal fuso orario è stato presentato ai compagni e ha rilasciato le sue prime dichiarazioni da giocatore rossoblù.

Benvenuto Felipe, come mai proprio Civita Castellana per tornare in Italia?

Grazie! Ho scelto Civita perchè Il coach Spanakis mi ha presentato il progetto e le ambizioni della Società in questa nuova stagione e mi ha convinto della bontà di un progetto che seppur giovane ha già delle ottime basi. Lo scorso anno ci eravamo già sentiti ma non siamo riusciti a lavorare insieme, ora invece abbiamo trovato un bell’accordo basato su obiettivi comuni.

Conosci qualche nuovo compagno o lo staff?

Conosco qualche giocatore per averci giocato contro in passato e in Polonia ho comunque seguito il Campionato italiano. Col mister non ci conosciamo personalmente ma abbiamo parlato tanto durante l’estate, mi ha spiegato il suo modo di lavorare e i suoi obiettivi per la stagione.

Cosa ti aspetti da questa nuova stagione italiana?

Sarà una stagione durissima, ho seguito il volley mercato e ho visto che sono arrivati tanti giocatori di qualità alzando molto il livello del campionato. Poi con la nuova formula a gironi sarà ancora più un’incognita. Come si dice “quando il gioco si fa duro….”

Da brasiliano a brasiliano vi passate il testimone con Paulo Da Silva.

Conosco Paulo e ho visto la stagione fantastica che ha fatto a Civita. Mi ha detto che si è trovato molto bene anche con la famiglia e so che ha lasciato un bel ricordo ai tifosi e al pubblico. Mia moglie Nathalia mi raggiungerà fra pochi giorni e sono sicuro troveremo la stessa ospitalità e lo stesso entusiasmo che mi ha descritto Paulo. Poi in campo darò tutto me stesso per non farlo rimpiangere e regalare nuove emozioni a chi ci segue.

Felipe Ayrton Banderò, Poços de Caldas (BRASILE), 12/6/1988

Carriera

2015-2016         A          AZS Czestochowa (POL)

2014-2015         A2        Caffè Aiello Corigliano

2012-2014         A          En Gas&Oil Lugano (SUI)

2011-2012         A1        Tonno Callipo Vibo Valentia dal 8/12/2011

2010-2011         A          São Caetano/Tamoyo (BRA)

2009-2010         A         Volêi Futuro (BRA)

2008-2009         A         Santander/Sao Bernardo (BRA)

 

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo su...Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Email this to someone

Commenti

commenti