La Scarabeo si ferma in casa contro una Monini più determinata sul finale. I laziali disputano una buona partita con Snippe e Padura in doppia cifra, ma Spoleto è più fresca nel finale e condanna i padroni di casa ad attendere.

Meno uno al termine della Pool A: Roma incontra Spoleto per confermare la vetta e blindare il primo posto in vista dei playoff, ospiti che provengono da una doppia sconfitta e cercano un impossibile aggancio al sesto posto che vorrebbe dire evitare gli ottavi di playoff.
Spanakis schiera la formazione tipo con l’eccezione di Rau al posto di Franceschini al centro, Monti risponde con i suoi migliori effettivi guidati dalle sapienti mani di Corvetta. Nel primo set le squadre procedono appaiate fino al 16-16 con le bande a rispondersi attacco su attacco, poi è l’opposto spoletino Raic a spingere i suoi allo strappo con Tiozzo e Padura Diaz che provano a rimettere la gara sul binario laziale. Spoleto più concreta e un doppio Galliani porta in dote il 23-25 del primo set.

La Scarabeo ritrova smalto nel secondo parziale grazie ad un Padura Diaz in grande vena realizzativa e alla solita arma vincente di un sistema di muro altamente correlato: l’opposto rossoblù è infermabile in attacco e solidissimo a muro, mentre dall’altra parte della rete il calo vistoso di Raic segna il set già dopo pochi punti: il 25-16 finale è lo specchio di un dominio rossoblù che rimette in equilibrio la gara.

Roma continua a spingere in battuta anche nel terzo set e la strategia di Spanakis di mettere in difficoltà la ricezione spoletina porta i suoi frutti: il muro di Pollock ferma le scorribande dei gialloblù, limitando Raic e Mariano e i padroni di casa fuggono in avanti; coach Monti prova a cambiare in regia con Costanzi su Corvetta e la Monini trova con Galliani in attacco una reazione pericolosa solo sul finale. Ci pensa capitan Snippe a mettere serenità ai compagni con i suoi mani-out vincenti che spostano sul 2-1 il conto dei set (25-21).

Spoleto non molla sul finale, assestando la ricezione e consentendo a Corvetta di innescare Van Berkel e Zamagni e smarcare un Raic più fiducioso. Le due formazioni non si staccano fino al 20-20, con la Scarabeo GCF che chiede a Snippe di mostrare il repertorio in attacco: l’olandese non si fa pregare trasformando con continuità disarmante le alzate di un sempre convincente Zoppellari, ma è il muro incassato dal canadese Van Berkel e il suo primo tempo a lanciare gli umbri verso la conquista del set che arriva su uno dei rari out di Padura Diaz (21-25).

Partita decisa al tie-break in favore di Spoleto: più risorse sul finale per la formazione ospite che trova in Bertoli l’asso nella manica per il guizzo decisivo; ci prova fino all’ultimo Padura Diaz, ma il divario accumulato già al giro di campo (4-8) viene mantenuto da Corvetta e compagni fino alla fine (11-15) e c’è gioia per il popolo gialloblù.

La Scarabeo GCF dovrà aspettare l’ultima giornata per conoscere la sua posizione finale in questa pool: con la contestuale vittoria di Santa Croce su Bergamo il divario in classifica sui toscani si è ridotto a due sole lunghezze. Nell’ultima giornata Santa Croce farà visita a Tuscania, mentre Snippe e soci se la vedranno con Bergamo per l’ennesima sfida contro la formazione di coach Graziosi che deciderà della vetta o meno dei romani in vista dell’esordio nei playoff.

 

Le dichiarazioni

Francesco Zoppellari: “E’ stata una partita tirata e loro sono stati bravi nel quarto e quinto set e sicuramente più cinici di noi in fase di contrattacco. Siamo stati poco cattivi nella fase break, difeso poco e battuto a tratti male, lasciando buon gioco al loro palleggiatore. Queste partite vengono vinte nelle piccole attenzioni, che Spoleto ha avuto oggi rispetto a noi, pescando anche dalla panchina soluzioni che hanno dato una mano a risolvere il tie-break. Ora andiamo a Bergamo per giocarci il primo posto all’ultima giornata, contro una formazione che oggi ha perso e che cercherà quindi come noi un pronto riscatto e una chiusura di pool positiva”.

Giancarlo Rau: “Siamo partiti contratti nel primo set e poi abbiamo giocato come sappiamo negli altri due parziali. E’ uscita una bella partita da ambo le parti, peccato per il quarto set dove siamo andati sotto dall’inizio e poi sul punto a punto non siamo riusciti a chiudere il match. Sono contento della prestazione personale anche se potevo fare meglio a muro, ma in generale ci tenevo alla vittoria che ci avrebbe consentito di blindare il primo posto. Ora pensiamo subito a Bergamo dove cercheremo a tutti i costi di conservare un primato meritato che ci consentirebbe di partire meglio in griglia playoff”.

 

La cronaca della gara

I° Set: Formazioni in campo con Roma schierata con Zoppellari-Padura Diaz in diagonale, Snippe-Tiozzo di banda, Pollock-Rau centrali e Romiti libero. Coach Monti riponde con Corvetta-Raic, Galliani-Mariano, Zamagni-Van Berkel, Bari libero.

Formazioni compatte in avvio e si procede punto a punto con Corvetta e Zoppellari che scaldano le bocche da fuoco (5-5) fino all’ace di Snippe che rompe la parità; sul 9-6 laziale time out sulla panchina degli oleari. Monini che si avvicina sull’ace di Van Berkel, ma sullo scambio successivo Pollock in primo tempo ricaccia indietro. Fantastica azione con Padura Diaz che si esalta in difesa sulla bomba di Raic e conclude in mani out siglando il 12-10. Block di Raic su Snippe e Spoleto passa momentaneamente a condurre. Sul 15-16 Spanakis vuole parlare con i suoi, al rientro la pregevole diagonale di Tiozzo impatta nuovamente (16-16), ma Raic e Galliani sono continui in attacco e le due formazioni procedono a braccetto. E’ ancora Raic a firmare il +2 con un potente mani-out, invitando alla sirena la panchina della Scarabeo (19-21), poi Spoleto allunga con Mariano in palla di banda. Tiozzo dà speranza sul 21-23 e l’out degli ospiti porta al -1; Galliani sigla il set point e due scambi dopo porta ai suoi in dote il primo set 23-25.

II° Set: Rossoblù che partono forte nel secondo parziale con Padura Diaz prepotente da zona due e Rau che stoppa Zamagni nell’uno contro uno (6-4). Bellissimo ace di Snippe per il +4 interno. L’invasione di Corvetta a muro vale l’11-7 dei romani e il muro di Padura Diaz su Raic fa esplodere il Pala Tiziano e infuriare Monti in panchina. Raic trova ancora opposizione a muro e la Monini comincia ad annaspare (13-8), quando Bertoli sostituisce Galliani. Padura Diaz in attacco è su percentuali realizzative impressionanti e Roma ne beneficia portandosi sul 17-12. Sul 20-14 Sacripanti entra in battuta tattica e sulla rigiocata è ancora l’opposto della Scarabeo a trasformare.

Out di Van Berkel e 8 set point Roma, con Padura che trasforma al primo tentativo per il 25-16 finale.

III° Set: Si riprende con la Scarabeo ancora una spanna in più a muro: Rau e Pollock segnano il passo e sull’8-4 è già time-out per la Monini. Sul 10-5 interno Costanzi rileva al palleggio Corvetta ma è la palla morbida di Tiozzo a scoraggiare gli avversari. La Monini si riavvicina pericolosamente e Snippe deve sfoderare il repertorio di attacchi per tenerla a distanza (12-11), insieme alla tranche agonistica di Padura Diaz che mette a segno due attacchi vincenti e rilancia i suoi (15-11). Corvetta riprende il suo posto in regia e si prosegue. Aumentano gli errori tra le fila degli oleari e la continuità di Roma fa la differenza nel frangente (18-13). Muro vincente di un granitico Pollock su Raic e i padroni di casa allungano ancora (21-15). Fantini è chiamato da Spanakis alla battuta tattica ma Zamagni ben innescato in primo tempo vanifica la strategia. Il videocheck dà ragione all’ace di Galliani e gli ospiti respirano il -3 durante il time out di Spanakis. E’ il momento dello schiacciatore di Desio che serve forte e con la sua successiva pipe consegna il -2 ai suoi colori, prima che Snippe dia tranquillità con il suo mani-out (23-20). Tapin di Rau e set point Roma. Out di Raic in attacco, il videocheck conferma ed è 25-21 finale.

IV° Set: Partenza bruciante di Spoleto che si porta subito 4-0 e Spanakis deve interrompere il gioco. La pausa porta consiglio e Roma risale con il muro di Padura Diaz su Mariano (4-6); Raic riprende a giocare come sa, ma ancora un ace di Snippe frena gli animi e ristabilisce la parità (7-7). Bertoli su Mariano di banda. Squadre a braccetto fino alla metà del parziale con Corvetta che chiama all’appello Van Berkel e Zamagni grazie ad una ricezione più attenta e con Snippe che tramuta in ora qualsiasi pallone. Il “rigore” di Galliani sul buon servizio di Bertoli consegna un break a Spoleto (14-16) ma Padura Diaz riduce subito. Primo 20 per gli ospiti, poi parità con il solito Snippe. Tempo per Spanakis. Block “sonoro” di Van Berkel sull’olandese della Scarabeo e Spoleto scappa avanti a +3 (20-23). Out di Padura in attacco e spazio al tie-break (21-25) per il pubblico del Pala Tiziano.

V° Set: La roulette del tie-break, con le squadre stanche, ricomincia nel segno di Snippe e di Zamagni. Bertoli confermato in campo trascina in attacco i compagni e le sue conclusioni lanciano gli oleari sul 3-6. Sirena sulla panchina di Roma, poi Padura Diaz prova a suonare la riscossa con le squadre che cambiano campo sul 4-8. Pipe poderosa di Galliani per il 4-9, Spanakis ferma ancora il cronometro. Saturnino su Snippe dà equilibrio in ricezione, Tiozzo ferma Bertoli e laziali che provano a rientrare (5-9).

La formazione di coach Monti ne ha di più, nonostante Padura in attacco e Rau a muro non mollino e l’aggancio sembri possibile (10-13). Delle quattro palle match ne servono due alla Monini: la battuta forzata di Padura finisce out e cala il sipario sulla terza giornata (11-15).

 

Il Tabellino

Scarabeo GCF Roma – Monini Marconi Spoleto 2-3 (23-25, 25-16, 25-21, 21-25, 11-15)

Monini Marconi Spoleto: Zamagni 13, Katalan ne, Mariano 7, Bertoli 5, Raic 15, Costanzi, Agostini, Di Renzo (L2) ne, Galliani 16, Van Berkel 10, Cubito ne, Segoni ne, Corvetta, Bari (L). I All. Monti, II All. Lionetti.

Scarabeo GCF Roma: Zoppellari, Padura Diaz 23,  Snippe 22, Tiozzo 10, Romiti (L1), Losco ne, Saturnino, Sacripanti, Fantini, Pollock 10, Rau 6, Mancini (L2), Valenti ne. I All. Spanakis, II All. Pastore.

Le cifre: Scarabeo GCF Roma: 11 muri, 4 ace, 18 errori in battuta, 50% in attacco, 60% (41%) in ricezione. Monini Marconi Spoleto: 6 muri, 4 ace, 20 errori in battuta, 46% in attacco, 55% (31%) in ricezione. 

 

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo su...Share on Facebook
Facebook
26Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Google+
Google+
0Share on Reddit
Reddit
0

Commenti

commenti