Parlano i due vice allenatori di Roma e Alessano in vista della prima gara di regular season di domenica 24 settembre. A Roma sale l’attesa per il ritorno della grande pallavolo al PalaTiziano.

Tre giorni, tanto manca all’inizio del 73° Campionato di A2 Unipolsai che aprirà il gran ballo della stagione pallavolistica italiana 2017/2018. Prima serie ad esordire in campo, l’A2 Maschile si prepara a vivere uno dei campionati più avvincenti degli ultimi anni, con una formula lunga e piena di insidie e con tante formazione che hanno rinforzato i propri roster.

Difficile fare pronostici: gli addetti ai lavori indicano Spoleto e Siena su tutte, visti i risultati conseguiti lo scorso anno e la campagna acquisti estiva. Ma le sorprese possono arrivare anche dalle formazioni meno accreditate sulla carta, quindi anche dalla Ceramica Scarabeo GCF Roma che porterà sulle spalle il “fardello” di una squadra rivoluzionata ma estremamente competitiva, di una oggettiva difficoltà logistica tra Civita e la Capitale, ma anche il prestigioso onere di portare il nome di Roma nuovamente sulla piazza pallavolistica, tra le più importanti in Europa, quella del campionato di Lega.

La sfida con l’Aurispa Alessano riporta le schiacciate al Palazzetto dello Sport dopo tanti anni di assenza: il 24 settembre alle ore 18:00 il fischio di inizio nel tempio sportivo nerviano. Fervono i lavori al Palazzetto per questo nuovo battesimo, con la Società civitonica che sta approntando al meglio (nonostante la consegna tardiva) la struttura per il match in programma.

Ritorna al Palazzetto – questa volta da avversario dei colori romani – un nome che non ha bisogno di presentazioni: sulla panchina di Alessano siede infatti Paolo Tofoli che sul rettangolo di gioco non spetta a noi descrivere cosa abbia fatto in passato. Tofoli torna a Roma dopo cinque stagioni disputate da protagonista in campo con la maglia della città eterna e 2 Coppa CEV e 1 scudetto conquistato nell’anno giubilare con i romani. Ora in “versione coach” vanta una Coppa Italia di A2 vinta con Siena nella scorsa stagione, in una carriera in panchina cominciata sei anni fa.

Per presentare la gara abbiamo scelto però i vice di Spanakis e Tofoli, ponendo due domande dirette a Matteo Pastore per Roma e Luca Bramato per Alessano.

D.:Mister che campionato ci aspetta per questa 73° edizione e voi che obiettivi perseguite?

Pastore: E’ una formula lunga ed insidiosa, dove sbagliare anche una gara può compromettere l’intero percorso della stagione. Tante squadre si sono rinforzate ed è un bene per la categoria e per lo spettacolo, anche se per noi vuol dire sfoderare ogni domenica prestazioni sempre al top. Abbiamo un buon gruppo, costruito questa estate dalla società e dal mister. Vedo dinamiche molto positive nello spogliatoio e in palestra nel lavoro di tutti i giorni e, quindi, le premesse ci sono tutte per fare un ottimo campionato e provare a migliorare i già buoni risultati conseguiti nella scorsa stagione.

Bramato: Sarà un campionato difficile, molto competitivo e con una formula nuova. Sappiamo bene che ci saranno solo partite in cui bisognerà lottare e la nostra aspettativa principale è propria quella di rendere la vita difficile a tutte le formazioni, cercando di far diventare un punto di forza la giovane età di molti dei nostri atleti. Siamo certi che il loro entusiasmo ed il loro talento, unito all’esperienza della restante parte del gruppo, possono creare valore aggiunto in modo importante, poi sarà il campo giornata dopo giornata a crearci gli obiettivi.

D.:Ci parli del vostro avversario.

Pastore: Alessano è una squadra molto interessante, con il giusto compromesso di giovani talentuosi e atleti di esperienza, un mix che con i giusti equilibri potrà fargli esprimere un’ottima pallavolo. Da quello che abbiamo potuto studiare su di loro e vedere dal precampionato disputato, hanno già una buona organizzazione di gioco e non verranno a Roma per fare da spettatori. Noi vogliamo fare un esordio al massimo, sia come atteggiamento che come mentalità, quindi ne verrà fuori una gara dall’alto tasso di agonismo. Nessuno vuole perdere la prima!

Bramato: La Scarabeo GCF Roma è, a mio avviso, una delle squadre che ha meglio saputo “fare mercato” e che potrà senza dubbio dire la sua nei piani alti della classifica. Il roster è assolutamente di primo piano in questo campionato; solo per citarne alcuni, atleti del calibro di Padura Diaz e Snippe non sono certamente da scoprire e Zoppellari è un talento che ha davanti un più che probabile futuro brillante nel panorama nazionale. Il precampionato ha mostrato un crescendo di condizione e di gioco, per cui da parte nostra affrontiamo la gara con il giusto grado di rispetto che si deve ad una formazione che sulla carta si presenta attrezzata benissimo.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo su...Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Email this to someone

Commenti

commenti